Isabella, nostra concittadina, da 18 anni volontaria tra i poveri delle Ande Peruviane

Cari tutti voi del gruppo della Bottega, Huaypan 15 dic. 2017

dopo mesi di silenzio ritorno a scrivervi. Come sempre mi immergo troppo in quella che è la vita con le ragazze, la gente, i bambini… e perciò passa tanto tempo prima di riuscire a fermarsi a scrivere. Poi vi confesso che sono sempre più preoccupata per la situazione economica; già in altre occasioni vi ho detto che, bene o male, con  i soldi che si ricevono dai gruppi dei ragazzi dell’OMG  vengono comprati  i viveri, il materiale per la scuola (quaderni e penne, niente più) detersivi per le pulizie e nient’altro. Questo arriva direttamente da Lima ; in mano nostra, dei vari missionari, non arrivano soldi, così per comprare le uova o pagare la luce ho bisogno che qualcuno al di fuori dei soldi dei gruppi OMG mi aiuti perché sennò …. sono a zero. Cosi i soldi che arrivano dal vostro lavoro sono un gran regalo, essenziale, indispensabile!!

Già vi ho accennato che quest’anno uscirà un gruppo di ragazze “promosse, diplomate”. Finiscono i 5 anni di scuola e da sempre Padre Ugo desidera che si dia loro in regalo il materiale per realizzare il lavoro imparato (per noi vuol dire procurare macchine da cucire, ferri per la maglia e tante piccole altre cosette necessarie per realizzare i lavori a cucito e a maglia). Senza chiedere nulla in più  a voi, ho cercato di arrangiarmi, trovare altre vie… (per fortuna quest’anno le ragazze sono soltanto 8)

A dicembre 2018 uscirà un altro gruppo e sarà più numeroso, già ora sono 19. Mi ritrovo a dover coprire una spesa di 400 $ per ognuna solo per il regalo. 

Sempre più spesso capitano poi purtroppo casi di tumore nella gente della parrocchia. Le persone si avvicinano a noi per chiedere aiuto (lo stato peruano non passa  quasi nulla gratis per la salute). In paese l’anno scorso sono morte due persone per tumore, una era la mamma di una mia ragazza del la scuola; quest’anno un vecchietto …  Ogni 15 giorni andavamo a trovarlo per aiutarlo in quello che aveva bisogno, poi  una volta lo troviamo seduto x terra, davanti a casa e si lamentava per il dolore: “ me han sacado la muela y me duele.- mi han tolto un dente e mi fa male- “Està bien senorita se tomo esto?- va bene signorina se prendo questo?- e mi indica un blister di un antidolorifico-paracetamolo- che stringeva in una mano mentre nell’altra aveva il suo solito sacchetto con le foglie secche di coca. Ingenuamente gli dico” fammi vedere dove ti fa male”   Apre la bocca e … si salvi chi può! Che impressione! Un buco sul palato, come aperto … altro che dente tolto…   avrà avuto ul ricordo di un dente tolto anni fa….  Come posso lasciarlo morire nella sua casa di fango, stringendo delle pastiglie generiche e il suo sacchetto di coca?

Non posso non pensare che qualcosa mi tocca fare, anche solo cercar di farlo soffrire il meno possibile con qualche medicina più appropriata.

Cosi grandi progetti, costruzioni, neanche lavori seri di manutenzione della casa non riesco a pensarli … i soldi vengono risucchiati in fretta da tante cose della vita quotidiana, da bisogni vari che prendono la precedenza.  

Ci  si prova  sempre a lanciare nuove avventure, soprattutto  a coinvolgere e proporre  progetti ai ragazzi delle nostre case e degli oratori. Padre Ugo in questo è un grande, è ancora lui che ci da la sveglia, ci aiuta a rilanciare più in là, sempre più in là. Ci invita a provare a giocare la battaglia più grande che è quella di metter un seme nel cuore di questi ragazzi, qualcosa che non parli solo di soldi, studio, cellulare  …

Così posso solo augurarvi BUON LAVORO! Ma soprattutto tanti tantissimi AUGURI per questo S. Natale e per il nuovo anno che arriverà. 

A presto!?! Un caro saluto a tutti con affetto e gratitudine, Isabella

 

GeSeM - Gestione Servizi Municipali Nord Milano Srl - Sede Legale Piazza V Giornate, 20 - 20020 Arese (MI)
Iscrizione Registro imprese: R.R.A. n. 1699422 - Capitale sociale € 80.000,00 - PEC: gesem@legalmail.it - P.IVA 03749850966